Allestimenti ed arredi ecosostenibili

Nuova vita alle capsule caffè esauste

Nuova vita alle capsule caffe’ esauste

Secondo gli ultimi dati di Altroconsumo, in Italia si consumano ogni anno, più di 8 miliardi e mezzo di capsule e cialde di caffè, le quali nella maggior parte dei casi non si possono riciclare e perciò finisco inesorabilmente nella raccolta indifferenziata. 

Nuova vita alle capsule caffe’ esauste

Le capsule esauste finiscono successivamente in discarica o negli inceneritori, dopo aver comunque rappresentato un problema per i gestori riguardo la loro gestione e trasporto. Ma oggi, la soluzione al problema c’è, e il suo nome è CAFFERIKKO. Una rete eco-friendly che ha già presentato l’innovativo progetto volto  la gestione sostenibile del rifiuto caffè esausto dando così nuova vita alle capsule caffe’ esauste.

Grazie alla partnership con aziende specializzate nel settore  ambientale ed in collaborazione con una prestigiosa  Università , si sta realizzando  il percorso  che prevede il recupero e  trasporto delle capsule esauste, con relativa valorizzazione del rifiuto “indifferenziato”, quali sono  le capsule o FAP  presenti sia nelle macchine OCS che in quelle Free Standing.

Quello che fin d’ora sembrava essere un problema  ʺinsuperabileʺ, prossimamente sarà un’ ulteriore possibilità per valorizzare  i prezzi di vendita: Nuova vita alle capsule caffe’ esauste.

Il progetto prevede la gestione sostenibile delle Capsule  a 360°, partendo dal recupero presso il gestore delle cialde esauste, passando per il loro trasporto e successiva valorizzazione: è attualmente in collaudo uno speciale dispositivo in grado di separare le parti plastiche della cialda dalla polvere di caffè, la quale verrà poi riutilizzata come humus o trasformato in pellet. Capsule di caffe’ esauste? le prendiamo noi.

Si, parliamo proprio del pellet che oggi è realizzato con la segatura del legno lavorato, normalmente utilizzato nel riscaldamento delle abitazioni private e non solo.

Nuova vita alle capsule caffe’ esauste

È stato recentemente scoperto, tra l’altro, che i fondi hanno la consistenza adeguata per essere modellati in questo specifico formato. Senza contare poi che la resa energetica di pellet di caffè risulta essere il doppio rispetto a quello costituito dal legno. Inoltre, se utilizzati per la produzione di calore tramite pirolisi (decomposizione di materiali organici tramite l’applicazione di calore), creano un carbone vegetale di grande valore. Esso può essere riutilizzato come ammendante del suolo in agricoltura grazie al riciclo degli elementi nutritivi ancora presenti.

In questo modo, si garantirà la riduzione dell’impronta ambientale di questi prodotti e delle emissioni di CO2eq derivanti dal loro ciclo di trasformazione. Sviluppando invece nuovi panorami di utilizzo sostenibile per qualcosa che fin’ora era considerato solo un rifiuto.

Da non dimenticare che saranno forniti i dati  sulla diminuzione di C02 alle aziende che a loro volta utilizzeranno i pellet per riscaldare i loro capannoni.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email

PIÚINFORMA® ti aiuta a fare la differenza!

Per richiedere il nostro servizio

PIÚINFORMA® ti aiuta a fare la differenza!

Per richiedere il nostro servizio

La rete del food sostenibile

Articoli Correlati